Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A quasi due giorni dal naufragio del traghetto bengalese "MN-Miraj-4" con almeno 200 persone a bordo nell'estuario del fiume Meghna, le autorità locali hanno comunicato che il numero dei morti è ufficialmente salito a 52, dopo che nella notte sono stati recuperati altri 21 cadaveri. Lo riferisce il portale BdNews24.

Fra 40 e 50 persone, secondo testimoni oculari, hanno guadagnato giovedì pomeriggio la riva a nuoto, per cui i dispersi vengono stimati adesso in almeno un centinaio.

Ieri i soccorritori sono riusciti con una unità attrezzata con una gru a trascinare lo scafo del traghetto affondato per una tempesta in mezzo al fiume fino a 30 metri dalla riva. Poi oggi, improvvisamente, l'Authority (Biwta) che coordina i soccorsi ha annunciato la sospensione delle ricerche delle altre persone considerate disperse.

Questo ha fatto sì che i famigliari, infuriati, hanno attaccato la nave appoggio 'Prottoy', provocando l'intervento delle forze dell'ordine. Di fronte alla dura protesta, successivamente i responsabili della Bitwa hanno assicurato che "le operazioni di ricerca continueranno fino a quando la sorte di tutti i passeggeri non sarà chiarita".

SDA-ATS