Navigation

Barroso, misure per crescita ci sono, Grecia rispetti patti

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 maggio 2012 - 14:27
(Keystone-ATS)

"È arrivato il momento di decidere le misure da prendere per rilanciare la crescita in Europa". Lo ha detto oggi il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, sottolineando che il primo confronto tra i leader avverrà mercoledì prossimo nel consiglio informale e che l'adozione dovrà essere fatta nel vertice europeo di fine giugno. Barroso ha anche ribadito che Atene deve rispettare gli impegni sottoscritti.

Le proposte per rilanciare la crescita "esistono", ha spiegato Barroso rivolto ai leader dei 27 in una conferenza stampa a Bruxelles al termine della riunione settimanale del collegio dei commissari dedicata al tema della crescita.

Barroso ha ricordato che l'esecutivo "spinge per progressi sui project bond, sulla richiesta di accrescere il capitale della Banca europea degli investimenti e la sua capacità di prestiti e per un'ulteriore ottimizzazione dei fondi strutturali".

Tutte queste idee, ha sottolineato il presidente della Commissione, "stanno guadagnando terreno fra i leader, è tempo di decidere su queste proposte, le proposte esistono, ora servono le decisioni".

Circa la Grecia, Barroso ha dichiarato che la Commissione europea, pur essendo "pronta a lavorare con Atene", chiede il rispetto degli impegni sottoscritti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?