Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo zurighese Barry Callebaut, leader mondiale dei prodotti a base di cacao e cioccolato, ha registrato nei primi nove mesi dell'esercizio 2011/12 un giro di affari di 3,593 miliardi di franchi, in crescita del 2,3% rispetto al periodo contabile precedente. In valute locali il fatturato è progredito dell'8,4%.

Il volume smerciato è aumentato del 6,6% a 1,04 milioni di tonnellate, ha indicato oggi Barry Callebaut. È stato così mantenuto il tasso di espansione del primo semestre (6,7%).

Il CEO del gruppo Jürgen Steinemann si è detto soddisfatto, "tenendo anche conto del fatto che il mercato è aspramente conteso nell'Europa occidentale". L'esercizio in corso sarà contraddistinto da ingenti investimenti nel mondo intero, ma globalmente l'impresa zurighese è fiduciosa di poter raggiungere gli obiettivi finanziari a medio termine.

Sono stati soprattutto i prodotti industriali nelle Americhe nonché nei mercati emergenti a contribuire alla crescita, ha spiegato Barry Callebaut nella nota. Nel Vecchio Continente l'incremento si è attestato al 3,7% (in volume), grazie al buon andamento delle vendite nell'Europa orientale. Nelle Americhe è stato segnato un tasso di crescita delle quantità del 15%, in Asia del 12,3%. Barry Callebaut oltre alle imprese industriali rifornisce anche giganti come Nestlé, Cadbury e Unilever.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS