Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BASF ha deciso di cancellare una cinquantina di impieghi nel suo sito di Basilea nell'ambito di una riorganizzazione globale di singole attività. La gran parte dei posti di lavoro sarà soppressa entro la fine del 2016. Il gruppo chimico tedesco, numero uno al mondo, intende fare tutto il possibile per evitare licenziamenti.

La riduzione degli effettivi avverrà in maniera più sostenibile possibile; in Svizzera vale il piano sociale 2013/2018, ha comunicato oggi BASF. A Basilea scomparirà la divisione Paper Chemicals, le cui attività saranno trasferite in altri ambiti del segmento Performance Products. La sede principale di Paper Chemicals nella città renana sarà chiusa entro la fine di quest'anno.

Inoltre sarà riorganizzato il centro tecnico globale nel settore Plastic Additives; nell'unità Performance Products saranno riorientate le funzioni amministrative del Business Center Switzerland e i servizi informatici in Svizzera. Non è invece interessato dall'operazione il centro di ricerca di Basilea.

Già in aprile BASF aveva annunciato la soppressione di circa 350 impieghi a Basilea e Schweizerhalle (BL) entro la fine del 2015. La misura interessa le unità Plastic Additives, Pigments & Resins e Paper Chemicals, il centro di ricerca e funzioni di servizio. Stando al gruppo chimico oltre la metà della riduzione del personale avviene attraverso trasferimenti interni, pensionamenti e fluttuazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS