Navigation

Basilea: Roche vuole tre altri grattacieli

La "Bau1" KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2019 - 15:26
(Keystone-ATS)

A Basilea, città che già ospita il grattacielo più alto della Svizzera, sorgeranno presto tre nuovi torri. Lo ha indicato il promotore, il gruppo farmaceutico Roche, precisando che i lavori non inizieranno prima del 2024.

I nuovi edifici, destinati ad accogliere attività amministrative e di ricerca del gruppo, sostituiranno altri immobili risalenti agli anni '50 e aventi gli stessi scopi ma che non corrispondono più agli standard attuali.

Oltre alle tre torri di un'altezza massima di 130 metri, è previsto un edificio di forma circolare. L'investimento necessario non è stato precisato, si sa solo che demolire gli edifici esistenti costerà 100 milioni di franchi.

Roche, già proprietaria dell'edificio più alto del Paese, la torre "Bau 1" di 178 metri, sta attualmente costruendo la "Bau 2", grattacielo che misurerà 205 metri. Con i cantieri in corso e previsti, il numero di dipendenti della casa farmaceutica nella città renana è destinato a passare da 6000 a 10'000.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.