Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Afd di Frauke Petry non ha superato il 10% alle comunali in Bassa Sassonia.

KEYSTONE/AP/MARKUS SCHREIBER

(sda-ats)

La Cdu, il Partito cristiano-democratico della cancelliera Angela Merkel, si è confermata prima forza nelle elezioni Comunali svoltesi ieri in Bassa Sassonia.

I populisti dell'Alternativa per la Germania (Afd) sono entrati in molti consigli rimanendo però in media sotto la quota del 10%. Lo riferisce l'agenzia di stampa tedesca Dpa citando fonti ufficiali.

L'Afd, formazione che a livello regionale aveva superato per la prima volta la Cdu una settimana fa in Meclemburgo facendo leva sul tema dei migranti, ha ottenuto risultati "a due cifre" in alcuni comuni della Bassa Sassonia ma nel complesso si è fermata al 7,8%: quindi sotto l'11,9% ottenuto alle più recenti elezioni comunali cui aveva partecipato (in Assia a marzo), scrive la Dpa.

La Cdu, primo partito in Bassa Sassonia dall'inizio degli anni Ottanta, ha ottenuto il 34,4%, in calo rispetto al 37,0% di cinque anni fa. Sono arretrati anche il partito socialdemocratico (Spd) che ha ottenuto il 31,2% (rispetto al 34,9% della precedente tornata del 2011) e i Verdi (10,9% rispetto al 14,3%).

Oltre all'Afd, ma a basso livello, sono cresciuti i liberali della Fdp (4,8% rispetto 3,4%) e il partito di estrema sinistra della Linke (3,3% dopo 2,4%). Nel capoluogo Hannover Spd e Verdi hanno perso la maggioranza che avevano dal 1989. In crescita l'affluenza, al 55,5%, dei 6,5 milioni di elettori chiamati alle urne.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS