Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo l'annuncio della chiusura di tutte le filiali di Bata in Svizzera e il licenziamento di 175 dipendenti, la direzione dell'azienda continua a rifiutare un piano sociale per il personale. Lo ha denunciato oggi il Unia, che ha organizzato azioni di protesta.

Dopo un primo incontro, la direzione di Bata si è detta contraria alla ricerca di una soluzione collettiva, come previsto dalla legge vigente in materia, critica il sindacato in una nota odierna. "Le singole misure proposte dalla società sono insufficienti e arbitrarie", prosegue Unia, che chiede di salvare il maggior numero di posti di lavoro possibile. "Bisognerà inoltre prevedere soluzioni particolari per i collaboratori più anziani e gli apprendisti devono poter portare a termine il loro tirocinio in un'altra azienda", aggiunge.

Il sindacato ha organizzato azioni di protesta davanti alle sedi di Losanna e Basilea e in numerose filiali, in particolare in Ticino, a Ginevra, Neuchâtel, in Vallese, ad Aarau, Thun (BE) e Zurigo.

Lo scorso 16 aprile Bata aveva confermato la chiusura dei suoi 29 negozi in Svizzera. Il colosso della scarpa - con oltre 4900 punti vendita in 70 Paesi e 24 siti di produzione - aveva giustificato il provvedimento adducendo il turismo degli acquisti favorito dalla forza del franco, la concorrenza online e la saturazione del mercato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS