Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

San Francisco s'è fermata per coronare il sogno di un bambino di 5 anni, malato di leucemia: vestire per un giorno i panni di 'Batkid' e insieme a un Batman in carne ed ossa salvare la città.

Oltre 7000 volontari, tra cui tantissimi funzionari di polizia e vigili urbani, si sono mobilitati grazie alla fondazione 'Make a Wish' per far vivere una grande avventura, con tanto di Lamborghini vera e scene da film, a Miles Scott, un bimbo a cui hanno diagnosticato la leucemia tre anni fa ma che ora, grazie alla chemioterapia, sta meglio. Una storia che ha emozionato l'America. E che ha colpito anche la Casa Bianca, tanto che per la prima volta lo stesso Barack Obama ha usato il programma video 'Vine' per mandare i suoi auguri su twitter a 'Batkid': "Così si fa Miles, ora Gotham City è salva", ha esclamato il presidente.

Il piccolo Miles, con la sua tuta e maschera nera, accompagnato da Batman, è stato convocato di prima mattina dal vero capo della Polizia della città, Greg Suhr, che gli ha chiesto di dargli una mano a combattere il crimine. Così, uno dopo l'altro, Batkid ha salvato una ragazza in pericolo sulle rotaie del tram, disinnescando una bomba. Quindi ha catturato 'The Riddler', un famoso 'cattivo' della saga di Batman, dopo che aveva rapinato una banca. Infine, l'impresa più grande: salvare la mascotte dei San Francisco Giants, la sua squadra di baseball del cuore, dalle grinfie del Pinguino.

Tutte azioni spettacolari, in una ampia zona della città chiusa al traffico, seguite da migliaia di persone che facevano il tifo urlando 'Bat kid, bat kid' e postando su twitter le sue imprese. Una messinscena in stile hollywoodiano, curata nei minimi dettagli, frutto del lavoro di mesi.

Infine, al termine di un'esperienza indimenticabile, il sindaco della città californiana, Ed Lee, ha consegnato al bambino le chiavi della città, per poi proclamare il 15 novembre il 'Batkid day forever'. Alla famiglia del bimbo è andato anche un assegno di 10mila dollari donato da un'azienda di abbigliamento. Una storia che ha colpito a tal punto da spingere il giornale locale, il celebre 'San Francisco Chronicle', a distribuire oggi circa 1000 copie con una prima pagina speciale dedicata all'avvenimento, in cui si vede la testata trasformata in 'Gotham City Chronicle' con su scritto, a caratteri cubitali, "Batkid salva la città!", con tanto di foto del protagonista e molti pezzi dedicati alle sue gesta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS