Tutte le notizie in breve

Sono sospettati di aver tentato di truffare alla grande un'agenzia immobiliare consegnandole ritagli di carta al posto di banconote per un valore di un milione di euro nell'ambito di una transazione in vista dell'acquisto di un albergo.

La polizia cantonale bernese ha terminato le indagini, che complessivamente hanno condotto all'arresto di cinque persone: quattro a poche ore dai fatti, alla fine dello scorso mese di giugno, e una quinta in Italia più tardi.

Per il 49enne attualmente detenuto nella vicina Repubblica è stata chiesta l'estradizione, indica una nota diramata oggi dal Ministero pubblico cantonale per compiti speciali e dalla polizia cantonale bernesi. L'uomo, di cittadinanza francese, e gli altri quattro accusati, due uomini e due donne rumeni, sono in carcere preventivo. Saranno incriminati.

La presunta tentata truffa è avvenuta nell'ambito di un'offerta di vendita di un albergo nel canton Berna. I sospetti truffatori avevano indicato all'agenzia immobiliare promotrice della cessione dell'immobile di disporre di un acquirente, pronto a sborsare 35 milioni di franchi.

Per l'intermediazione nella transazione i presunti truffatori e l'agenzia si erano accordati su una provvisione di un milione di euro (1,06 milioni di franchi al cambio attuale), da consegnare in una banca bernese.

In un attimo di disattenzione, gli accusati avrebbero sostituito il denaro con un pacchetto di ritagli di carta e si sono dati alla fuga. Grazie alle indicazioni fornite dall'istituto di credito, le forze dell'ordine bernesi arrestarono ancora lo stesso giorno i quattro rumeni.

Stando al comunicato, le indagini degli inquirenti bernesi hanno permesso di appurare che uno dei quattro è coinvolto in un altro caso di cosiddetto rip deal, avvenuto nel canton Zugo. La traduzione letterale dall'inglese - indica il sito internet della polizia cantonale ticinese - è "affare sporco" e consiste nella prospettiva di un'operazione di cambio estremamente vantaggiosa. Gli autori con abilità riescono a consegnare del denaro falso di una determinata valuta, ricevendo banconote autentiche in un'altra moneta, a condizioni allettanti per la vittima.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve