Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il numero uno di Federacciai e amministratore delegato di Duferco (con sede a Lugano) Antonio Gozzi, ed il dirigente dello stesso gruppo siderurgico italo-svizzero Massimo Croci, tornano in libertà su disposizione del giudice istruttore Michel Claise, al termine della terza giornata di interrogatori e dopo un faccia a faccia con l'ex ministro dell'Economia della Vallonia ed ex sindaco di Waterloo, Serge Kubla.

Gozzi e Croci oggi si sono trovati a confronto col loro presunto faccendiere. Con l'uomo a cui - secondo l'accusa - avrebbero dato mandato di corrompere personalità congolesi affinché facilitassero la diversificazione di Duferco nel settore dei giochi d'azzardo e per avvantaggiare la candidatura del gruppo nell'acquisto del sito siderurgico di Maluku.

Una fabbrica dalle grandi potenzialità, quella di Maluku, ma entrata in crisi dai primi anni Ottanta. Un impianto verso il quale la Duferco avrebbe mostrato interesse tra il 2006 e il 2007, ma per il quale in realtà non ha mai fatto un'offerta.

Nel 2011 Kubla era stato per un breve periodo il presidente della Società di sfruttamento dei giochi (Sej). E secondo il giudice Claise, la Sej sarebbe stata creata per portare avanti le ambizioni di Duferco nel settore del gioco d'azzardo, quando il Congo ha aperto ai privati la lotteria nazionale.

L'azionista maggioritario della Sej era la società belga Succesfull Expectations Belgium, filiale della lussemburghese Succesfull Expectations SA, di cui Gozzi e Croci erano azionisti. Un gioco di scatole cinesi in cui la procura federale belga vuole vedere chiaro.

Ma Claise vuole sentire per rogatoria internazionale anche la testimonianza della principessa e donna d'affari congolese Odette Maniema Krempkin sulla misteriosa scomparsa del suo compagno, il commercialista belga, Stephan De Witte, 44 anni, sparito nella Repubblica democratica del Congo nel giugno 2014. Proprio dall'inchiesta sulla scomparsa di De Witte, che lavorava per Duferco a Kinshasa, è partito il fascicolo bis, che vede accusati di corruzione Gozzi e Croci.

Il commercialista avrebbe avuto un ruolo nel tentativo di diversificazione delle attività del gruppo siderurgico italo-svizzero nel Paese africano, in particolare sul fronte delle lotterie e dei giochi d'azzardo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS