Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine della manifestazione "Marcia per la vita" di oggi a Berna.

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Imponente mobilitazione delle forze dell'ordine oggi a Berna per la nona edizione della "Marcia della vita". La polizia è stata incaricata di assicurare il corretto svolgimento della dimostrazione anti-aborto e di tenere lontani contromanifestanti.

Dalle ore 13.00 Piazza federale è stata resa accessibile solo a chi intendeva partecipare alla manifestazione ufficiale ed era disposto a sottoporsi a un controllo, ha riferito un reporter di Keystone-ATS sul posto. L'evento, che secondo gli organizzatori ha riunito circa 1500 persone, mirava a sensibilizzare sulle conseguenze psichiche e fisiche dell'aborto. A questo proposito è stata anche lanciata una raccolta firme per una petizione che sarà inoltrata al Consiglio federale. Il testo chiede che i cittadini vengano sensibilizzati riguardo alle conseguenze sulla salute causate dall'aborto.

L'appello a manifestare era stato lanciato da organizzazioni conservatrici cristiane, tra cui l'Alleanza evangelica svizzera e l'Unione Democratica Federale (UDF).

Oppositori, che accusano gli organizzatori di negare in "nome di Dio" il diritto delle donne all'autodeterminazione sul proprio corpo, hanno svolto una contromanifestazione che ha riunito fino a 800 manifestanti in centro. Non autorizzata dalla città, la dimostrazione è stata tollerata dalla polizia, secondo un giornalista di Keystone-ATS presente sul posto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS