Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono ufficialmente iniziati oggi i lavori di potenziamento della stazione ferroviaria centrale di Berna. La cerimonia del primo colpo di piccone si è svolta alla presenza delle autorità cittadine e cantonali, nonché delle compagnie ferroviarie interessate (FFS, BLS e RBS).

KEYSTONE/SBB

(sda-ats)

Sono ufficialmente iniziati oggi i lavori di potenziamento della stazione ferroviaria centrale di Berna. Entro il 2025 verranno costruiti un nuovo capolinea sotterraneo e un secondo sottopassaggio con spazi commerciali per un costo superiore al miliardo di franchi.

La cerimonia del primo colpo di piccone si è svolta alla presenza delle autorità cittadine e cantonali, nonché delle compagnie ferroviarie interessate (FFS, BLS e RBS). In una conferenza stampa, la consigliera di Stato bernese Barbara Egger-Jenzer si è rallegrata che i lavori possono finalmente iniziare dopo una pianificazione durata 10 anni.

"Il potenziamento della stazione - ha proseguito Egger-Jenzer - permetterà di migliorare l'accessibilità e l'attrattiva della piazza economica bernese". Scopo del progetto è aumentare l'efficienza di quella che è la seconda stazione svizzera per importanza e che oggi ha raggiunto i limiti delle capacità.

Attualmente lo scalo bernese accoglie 375'000 viaggiatori al giorno. Un numero destinato a salire del 50% entro il 2030, ha affermato da parte sua la municipale Ursula Wyss.

I lavori ufficialmente avviati oggi - in realtà sono già iniziati da alcuni giorni - concernono la futura nuova stazione terminale interrata della rete a scartamento ridotto RBS. Questa sarà costituita da due grosse "caverne" dotate ciascuna di due binari, che verranno a trovarsi esattamente sotto la stazione FFS.

La costruzione di un nuovo capolinea per la rete regionale RBS è diventata ineluttabile: quello attuale, costruito già sottoterra a breve distanza negli anni '60, è stata concepita per un traffico giornaliero di 16'000 persone. Oggi gli utenti che ne fanno capo sono 60'000 e la stazione non riesce più ad assorbire il flusso di viaggiatori.

A novembre cominceranno poi i lavori per la costruzione del nuovo sottopasso, che permetterà anche di collegare la rete FFS e BLS alla nuova stazione RBS. Questo sarà situato tra il sottopassaggio attuale, a cui sarà collegato, e la cosiddetta "Welle", la passerella con tetto a forma di onda situata nella zona ovest della stazione.

Grazie al nuovo sottopassaggio, che sarà molto più ampio dell'attuale, l'accesso ai binari sarà più agevole e più corto. Esso avrà una uscita in direzione del quartiere Länggasse e una verso la Bubenbergplatz. La Città prevede inoltre già di prolungarlo verso l'adiacente fermata dei tram di Hirschengraben, ha assicurato Wyss.

Entro il 2035, la stazione dovrebbe poi conoscere una seconda fase di ampliamento. Le FFS prevedono infatti di costruire quattro binari supplementari sotto alla "Grosse Schanze" per potenziare l'offerta sulla rete a scartamento normale (FFS e BLS).

SDA-ATS