Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Circa 5'000 lavoratori si sono riuniti oggi pomeriggio sulla Piazza federale a Berna per difendere la piazza industriale svizzera rispondendo all'appello di quattro sindacati. I manifestanti hanno rivendicato un rafforzamento del contratto collettivo di lavoro (CCL), salari minimi obbligatori e una politica industriale.

La manifestazione, che aveva come slogan "l'industria siamo noi" è stata la più importante organizzata da decenni in Svizzera, affermano i sindacati Unia, syndicom (Sindacato dei media e della comunicazione) APC (Associazione del personale della Confederazione) e SEV (Sindacato del personale dei trasporti).

I manifestanti hanno voluto inviare un segnale forte ai datori di lavoro, all'avvicinarsi dei negoziati per il rinnovo del contratto collettivo di lavoro dell'industria metalmeccanica all'inizio di novembre.

I sindacati chiedono al Consiglio federale di condurre una politica industriale e d'innovazione senza la quale sono minacciati circa 10'000 impieghi. Si aspettano anche dalla Banca nazionale svizzera che aumenti il tasso minimo di cambio euro-franco, portandolo almeno a 1,40. Unia chiede in particolare che il governo dia più importanza alle prospettive a lungo termine per la piazza industriale elvetica, piuttosto che agli interessi a breve termine delle banche.

La manifestazione si svolge due settimane dopo l'annuncio da parte del fabbricante di macchine utensili Tornos della soppressione complessivamente di 225 posti a Moutier (BE) e La Chaux-de-Fonds (NE).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS