Navigation

Berna: respinto ricorso contro cupola moschea Casa religioni

La moschea ospitata dalla Casa delle Religioni di Berna. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2019 - 17:47
(Keystone-ATS)

Una piccola cupola potrà essere costruita sopra la moschea situata nella Casa delle religioni a Berna: lo ha stabilito il prefetto della città, respingendo un ricorso in questo senso presentato lo scorso giugno da due privati cittadini.

Interpellato dall'agenzia Keystone-ATS, il prefetto bernese Christoph Lerch ha confermato una notizia in questo senso diffusa oggi dal giornale online bernese "Journal B", precisando di aver respinto tutte le obiezioni in quanto non fondate ai sensi del diritto pubblico.

A metà maggio era stato pubblicato sull'"Anzeiger der Region Bern" il progetto del Muslimischer Verein (Associazione musulmana) di erigere una cupola alta circa 2,8 metri e munita di una punta di 75 centimetri guarnita da una mezza luna direttamente sopra l'entrata principale della moschea, in modo da renderla visibile dall'esterno.

La costruzione desiderata dalla comunità musulmana non sarebbe l'unico simbolo religioso eretto sul tetto piatto della Casa delle religioni: sopra al tempio indù vi è infatti una struttura appuntita. In realtà la cupola della moschea avrebbe dovuto essere costruita fin da subito, ma erano mancati i soldi.

Non è ancora chiaro se gli oppositori ricorreranno a un'istanza superiore: il consigliere comunale dell'UDC Henri-Charles Beuchat, uno dei ricorrenti, ha indicato all'agenzia Keystone-ATS che a decidere sarà il cosiddetto Comitato di Egerkingen. Ma il consigliere nazionale Walter Wobmann - rappresentante del gruppo politico all'origine dell'iniziativa sui minareti, accolta dal popolo nel 2009, e di quella sulla dissimulazione del viso (anti burqa), affrontata di recente dal parlamento federale - ha invece detto che toccherà a Beuchat stabilire il da farsi.

La Casa delle religioni è stata ufficialmente inaugurata il 14 dicembre 2014, con l'obiettivo di promuovere il dialogo tra le culture. Otto comunità religiose hanno trovato un luogo d'incontro sotto lo stesso tetto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.