Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La situazione in Ucraina per la Confederazione si sta facendo sempre più critica. Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) rileva un rischio di "maggiore instabilità, di un'escalation della violenza o addirittura di un conflitto aperto, in particolare nell'Est e nel Sud" del Paese. Raccomanda quindi agli svizzeri che vi si trovano di lasciare "temporaneamente e con i propri mezzi queste regioni, se ciò appare sicuro".

Le nuove raccomandazioni sono state pubblicate oggi sul sito del DFAE, alla voce "Consigli di viaggio per l'Ucraina". Riguardano in particolare gli oblast ("prefetture") di Donetsk, Lugansk, Dnipropetrovsk, Zaporishzhya, Kherson, Sumy, Mykolayiv e Odessa.

La decisione di lasciare queste regioni è personale, precisa però il DFAE. A causa della difficile situazione di sicurezza, la Svizzera ha in determinate circostanze possibilità limitate o addirittura nulle di prestare aiuto in casi d'emergenza. Le partenze vanno annunciate all'ambasciata a Kiev.

Berna sconsiglia inoltre viaggi di qualsiasi tipo anche a destinazione del resto dell'Ucraina, in particolare di Kharkiv e Crimea. Berna aveva già raccomandato in precedenza di rinunciare a viaggi nella Penisola nel Mar Nero.

SDA-ATS