Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il Consiglio federale deve alzare il tono di voce con l'Italia, in merito alle divergenze, soprattutto di natura fiscale, che dividono i due paesi. Questo il pressante invito al governo della commissione di politica estera degli Stati, irritata per i provvedimenti discriminatori adottati da Roma nei confronti di ditte svizzere.
Ad andare di traverso ai "senatori" è pure l'iscrizione, da parte dell'Italia, della Confederazione sulla lista nera dei paradisi fiscali.
Giovedì scorso il ministro degli affari esteri italiano Franco Frattini è stato ricevuto a Berna dalla sua omologa Micheline Calmy-Rey per discutere dei problemi fiscali tra i due paesi. Dal colloquio non è emersa nessuna soluzione concreta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS