Navigation

Bernie Madoff chiede la scarcerazione, 'sto morendo'

Bernie Madoff, autore di una delle più famose truffe della storia. KEYSTONE/AP/David Karp sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2020 - 16:44
(Keystone-ATS)

Bernie Madoff, il finanziere newyorchese condannato per una delle truffe più grandi di tutti i tempi, ha una malattia renale terminale e sta morendo. Per questo, ha chiesto la scarcerazione anticipata dal carcere per motivi umanitari.

Un avvocato dell'ex finanziere, che attualmente è dietro le sbarre in una struttura federale della North Carolina, ha detto che il suo cliente ha "meno di 18 mesi di vita" e soffre di "numerose altre gravi patologie" tra cui malattie cardiovascolari e ipertensione.

Madoff, 81 anni, sta scontando una pena di 150 anni di carcere per aver orchestrato una truffa ai danni di migliaia di investitori per miliardi di dollari, per la quale si è dichiarato colpevole di 11 capi d'imputazione.

"Sono malato terminale", ha detto Madoff al Washington Post: "Non esiste una cura per il mio tipo di malattia. Ho scontato 11 anni e, francamente, ho sofferto". La scorsa estate è stato trasferito nel reparto per le cure palliative del Federal Medical Center del carcere di Butner. Visto che ha perso tutti i suoi beni quando è stato condannato, se venisse scarcerato vivrebbe con un amico.

"Non contesta la gravità dei suoi crimini né cerca di minimizzare la sofferenza delle sue vittime, anzi ha espresso rimorso per i suoi reati", ha scritto l'avvocato Brandon Sample: "Ma dopo oltre dieci anni di detenzione e con meno di 18 mesi di vita, chiede umilmente a questa Corte un minimo di compassione".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.