Navigation

Bielorussia: attentato metrò; pena morte per 2 accusati

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 novembre 2011 - 14:37
(Keystone-ATS)

La corte suprema della Bielorussia ha condannato alla pena capitale i due giovani accusati dell'attentato alla metropolitana di Minsk dello scorso 11 aprile, che aveva fatto 15 morti e 300 feriti. Lo rendono noto le agenzie russe.

Si tratta dei venticinquenni Dmitri Konovalov e Vladislav Kovalov, due amici d'infanzia di Vitebsk. Il primo è accusato di essere l'esecutore della strage, il secondo di essere stato a conoscenza del piano e di non aver fatto nulla per impedirlo.

Il movente, secondo l'accusa, non sarebbe stato di natura politica. I due sono stati ritenuti colpevoli anche di altre esplosioni a Vitebsk nel 2005, con decine di feriti, e di un attentato dinamitardo nel giorno dell'Indipendenza a Minsk nel 2008.

La Bielorussia è l'unico paese europeo ad avere la pena di morte, eseguita generalmente con un colpo di pistola. Il giudice Aleksandr Fedortsov ha giustificato la condanna a morte con "l'estremo pericolo per la società" rappresentato dai due imputati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?