Bimbo ritrovato in Siria tornato in Italia

Il bambino proveniva dal campo di Al Hol. KEYSTONE/AP/MAYA ALLERUZZO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2019 - 08:45
(Keystone-ATS)

È tornato oggi in Italia Alvin Berisha, il bimbo di 11 anni di origine albanese portato via dall'Italia nel dicembre del 2014 dalla mamma che voleva unirsi all’Isis.

Il piccolo, la cui madre sarebbe morta in un'esplosione, era finito poi nel campo profughi di Al Hol, a nord est della Siria, dove è stato ritrovato. Alvin è stato trasferito con un volo di linea dell’Alitalia giunto poco dopo le 7.00 all'aeroporto di Roma Fiumicino da Beirut.

La vicenda è stata molto legata dai media italiani. Alvin era stato ritrovato nel campo profughi di Al Hol sotto il controllo dei curdi, che ospita oltre 70'000 persone, in prevalenza compagne e figli di combattenti jihadisti in prigione. Il bambino sequestrato e portato via dall'Italia dalla madre, radicalizzata via web.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo