Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il partito della leader dell'opposizione birmana Aung San Suu Kyi ha annunciato oggi che parteciperà alle elezioni del 2015 anche se la Costituzione non sarà modificata, lasciando in vigore una norma che di fatto la esclude dalla possibilità di diventare presidente. Nella Costituzione attuale infatti un birmano sposato con uno straniero o che abbia figli all'estero non può aspirare alla massima carica dello Stato.

La premio Nobel per la pace era appunto sposata con un cittadino britannico, Michael Aris, morto alcuni anni fa, ed anche i suoi due figli hanno nazionalità britannica.

Un portavoce della Lega nazionale per la democrazia ha detto oggi che il partito "deve partecipare alle elezioni del 2015" dove conta di ottenere una vittoria ancora più larga di quella del 2012, anno in cui fu eletta in Parlamento San Suu Kyi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS