Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

RANGOON - La dissidente birmana Aung San Suu Kyi sarà liberata poco dopo le elezioni del 7 novembre, le prime in 20 anni. Lo hanno detto fonti ufficiali birmane.
La vincitrice del Nobel per la pace, 65 anni, non ha più vissuto in libertà dopo il suo ultimo arresto avvenuto nel 2003. Nell'agosto del 2009 è stata condannata nuovamente a 18 mesi per aver violato le norme che regolano gli arresti domiciliari dopo che un cittadino americano era riuscito a raggiungere la sua residenza a Rangoon.
"La sua detenzione terminerà il 13 novembre, una settimana dopo le elezioni in Birmania. Sarà liberata in conformità con la legge", ha indicato un responsabile birmano che ha voluto mantenere l'anonimato.
"Il mese di novembre sarà molto impegnativo per noi a causa delle elezioni e della liberazione della signora Aung Suu Kyi che sarà liberata dopo una settimana dalla fine del voto", ha confermato un'altra fonte ufficiale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS