Navigation

Birmania: Svizzera revoca divieto d'entrata per 87 persone

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2012 - 16:59
(Keystone-ATS)

Dopo l'Unione europea anche la Svizzera allenta le sanzioni nei confronti della classe dirigente birmana: il Dipartimento federale dell'economia (DFE) ha revocato il divieto d'entrata nella Confederazione per il presidente Thein Sein e altre 86 persone.

Tuttavia i loro soldi restano congelati, così come vengono mantenute altre sanzioni, ad esempio quelle riguardanti 39 imprese birmane in gran parte nelle mani della giunta militare, ha indicato oggi all'ats la portavoce della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) Marie Avet. L'UE aveva deciso lo stesso allentamento in febbraio in seguito all'apertura politica della Birmania.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?