Navigation

Black Friday: blitz contro centro Amazon alle porte di Parigi

Blitz contro un centro Amazon alle porte di Parigi KEYSTONE/AP/REED SAXON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2019 - 16:02
(Keystone-ATS)

Blitz contro Amazon alle porte di Parigi: alla vigilia del contestato 'Black Friday', i militanti di diversi movimenti ecologisti hanno bloccato un centro di distribuzione del colosso Usa, per denunciare i danni all'ambiente causati dal consumismo sfrenato.

Secondo i cronisti presenti sul posto, tra i 50 e i 100 attivisti dei gruppi ANV-COP21 e Amis de la Terre hanno lasciato delle balle di fieno e formato una catena umana dinanzi allo stabilimento di Bretigny-sur-Orge. Nei giorni scorsi, gli attivisti di Extinction Rebellion, Youth for Climate o Attac, avevano annunciato azioni di protesta e disobbedienza civile. Tra gli slogan, 'Block Friday', o anche "Trasformiamo il Black Friday in un venerdì nero per Amazon".

Intanto, i deputati francesi della commissione per lo Sviluppo sostenibile hanno dato il proprio via libera al divieto del 'Black Friday', che a loro avviso inganna i consumatori, facendogli credere di poter beneficiare dei saldi anche al di fuori dei periodi regolamentati dalla legge. L'emendamento presentato da Delphine Batho verrà presentato in plenaria dal 9 dicembre e non si applicherà dunque alla giornata di domani.

L'obiettivo è inserire le promozioni del 'Black Friday' tra le "pratiche commerciali aggressive". Tra le motivazioni, vengono citati, tra l'altro, i "disastrosi effetti sull'ambiente" e la pubblicità ingannevole che lascerebbe supporre forti sconti quando invece, secondo uno studio realizzato in Francia da UFC-Que choisir, la riduzione media dei prezzi è "inferiore al 2%". Ieri,anche la ministra della Transizione ecologica, Elisabeth Borne, ha criticato la "frenesia dei consumi" legata a questa pratica promozionale importata dagli Usa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.