Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un convoglio della BLS supera uno delle FFS fermo alla stazione di Berna.

Keystone/ALESSANDRO DELLA VALLE

(sda-ats)

L'azienda di trasporti BLS ha realizzato nel 2016 una eccedenza di 15,6 milioni di franchi (2015: 3,7 milioni). Tutti i settori d'attività, eccetto il traffico ferroviario regionale, hanno chiuso i conti in zona utili.

I passeggeri trasportati hanno raggiunto quota 62,5 milioni, in crescita di circa il 4% rispetto all'anno precedente.

Il risultato negativo del traffico ferroviario regionale (perdita di 3,8 milioni, di fronte a un utile di 5,4 registrato nel 2015), spiega l'azienda in una nota, è dovuto alla riduzione - del 5,9% a 194 milioni - dei sussidi versati da Confederazione e Cantoni. Tale calo ha potuto in parte essere compensato da un aumento delle entrate da biglietti e abbonamenti generate dall'incremento del numero di passeggeri trasportato, in particolare lungo la rete S-Bahn di Berna.

Anche BLS Cargo ha fatto segnare risultati positivi: i suoi conti si sono chiusi con una eccedenza di 1,5 milioni (2015: 0,3 milioni). Nel 2016 inoltre il trasporto sulla rete ferroviaria è cresciuto di 0,3 miliardi di tonnellate-chilometro (tkm) lorde a quota 5,3 miliardi. L'azienda ribadisce poi la necessità di completare la galleria di base del Lötschberg (attualmente a doppio binario solo su un terzo della sua lunghezza) per far fronte all'incremento del traffico.

I treni navetta al Lötschberg e la navigazione hanno da parte loro fatto registrare rispettivamente un utile di 1,1 milioni di franchi (2014: 1,3 milioni) e 0,1 milioni (invariato).

Capitolo investimenti, l'azienda ha annunciato che all'inizio dell'estate annuncerà l'acquisto di una sessantina di nuovi treni. Prevista pure una nuova officina ferroviaria a Chliforst Nord, a ovest di Berna.

L'azienda ha poi nuovamente ribadito di essere interessata ad alcune linee a lunga distanza attualmente gestite dalle FFS. Il problema, spiega BLS nella nota, è che diverse sue linee regionali (RegioExpress) passeranno da dicembre alla rete nazionale.

Dato che queste tratte sono deficitarie, l'azienda afferma di poter continuare a gestirle solo accoppiandole con altre redditizie. Per questo motivo BLS vorrebbe far circolare i propri treni sulle linee Briga-Berna-Zurigo-Romanshorn, Interlaken-Berna-Zurigo-San Gallo e Interlaken-Berna-Basilea.

BLS intende sottoporre all'Ufficio federale dei trasporti (UFT) una domanda di concessione nel prossimo mese di settembre. Per elaborarla, l'azienda vuole coinvolgere i cantoni interessati e spera di trovare una "soluzione equa" con le FFS "come auspicato fin dall'inizio".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS