Navigation

BLS Cargo: forza del franco condiziona risultato 2010

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 aprile 2011 - 11:45
(Keystone-ATS)

BLS Cargo l'anno scorso si è risollevato dalla crisi economica, ma il risultato è condizionato dalla debolezza dell'euro rispetto al franco: l'azienda chiude i conti 2010 con una perdita netta di 2,6 milioni di franchi.

"Le prestazioni di trasporto sono cresciute del 13%, ma continuano ad essere inferiori al livello precedente la crisi economica del 2008-2009", ha detto stamane il Ceo di BLS Cargo Dirk Stahl in una conferenza stampa a Berna. Il direttore ha comunque manifestato ottimismo perché il livello delle prestazioni è stato nettamente superiore alle previsioni.

BLS Cargo ha registrato un risultato operativo (Ebit) di 2,4 milioni di franchi, contro -5,1 milioni nel 2009. I ricavi complessivi dell'impresa sono saliti del 6,2% a 171,7 milioni.

BLS Cargo ha dovuto affrontare la "grossa sfida" della forte rivalutazione del franco rispetto all'euro, ha insistito Stahl. Dato che le entrate sono pagate prevalentemente in euro mentre le uscite in franchi, il solo mercato monetario ha causato perdite per circa 5,8 milioni di franchi.

Per il 2011 BLS Cargo prevede un ulteriore aumento della domanda di trasporto. Tuttavia l'impresa sarà ancora confrontata con la persistente debolezza dell'euro.

Le difficoltà dovute a capacità limitate, ai cantieri sulle direttrici di transito svizzere e le relative linee di accesso estere, nonché alle insicurezze in merito alla futura tariffazione delle tracce orarie nella Confederazione costituiscono un ulteriore minaccia per l'impresa di trasporto su rotaia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?