Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le autorità americane vogliono far pagare a Bnp Paribas una multa di più di 5 miliardi di dollari per aver aggirato l'embargo americano nei confronti di alcuni paesi. È quanto scrive Bloomberg che cita fonti bene informate.

Le autorità statunitensi accusano la banca francese di aver aggirato le sanzioni Usa contro Iran, Sudan e Cuba tra il 2002 e il 2009 continuando ad effettuare transazioni finanziarie in quei paesi.

Secondo quanto scrive Bloomberg, tuttavia, la pena non si limiterebbe alla sola multa ma le autorità Usa avrebbero anche intenzione di imporre a Bnp Paribas un divieto temporaneo di trasferire denaro fuori e dentro gli Stati Uniti.

Si tratta dunque di una punizione ben più ingente rispetto a quella appena inflitta a Credit Suisse, che ha patteggiato una sanzione di 2,6 miliardi di dollari per aver favoreggiato l'evasione fiscale da parte dei suoi clienti.

La banca francese ha già accantonato 1,1 miliardi di dollari in vista di questa causa, ma il direttore generale Jean-Laurent Bonnafé ha ricordato la settimana scorsa che la sanzione "potrebbe essere significativamente molto superiore".

SDA-ATS