Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ammontare delle divise straniere detenute dalla Banca nazionale svizzera (BNS) è aumentato in agosto di 9 miliardi di franchi e alla fine del mese aveva un valore di 540,4 miliardi di franchi, rispetto ai 531,2 miliardi (dato rivisto) di fine luglio.

Le riserve complessive (senza oro) - ha comunicato oggi la BNS - si attestavano in agosto a 546,7 miliardi contro 537,2 miliardi il mese prima.

Le riserve in divise straniere sono progredite per la seconda volta consecutiva: alla fine di luglio erano aumentate di 15,8 miliardi dopo essere calate di 1,5 miliardi in giugno, di 4,7 miliardi in maggio e di 0,5 miliardi in aprile. Erano fortemente cresciute in febbraio (+11 miliardi) e marzo (+13 miliardi), in seguito all'abolizione, in gennaio, del cambio minimo da parte della BNS.

Stando agli specialisti sulla base delle cifre pubblicate della BNS è difficile capire se l'istituto sia intervenuto sui mercati delle divise e se sì in quale misura. L'aumento è senza dubbio legato all'evoluzione del franco. La moneta elvetica ha perso valore in agosto rispetto all'euro passando a 1,08 da 1,06. Si è invece leggermente rafforzata rispetto al dollaro, con un cambio a 0,9590 da 0,9660.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS