Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca popolare cinese ha autorizzato la succursale zurighese della China Construction Bank (CCB) ad effettuare transazioni in valuta cinese, il renminbi (più noto come yuan).

Lo ha comunicato oggi la Banca nazionale svizzera (BNS), sottolineando che questo passo segna il successo del protocollo di intesa firmato in gennaio tra la BNS e la Banca popolare cinese.

A fine gennaio la ministra delle finanze elvetica Eveline Widmer-Schlumpf aveva annunciato, dopo una visita a Pechino, che una banca cinese avrebbe aperto i battenti in Svizzera entro la fine dell'anno, facilitando in questo modo gli investimenti elvetici nel grande paese asiatico.

La CCB aveva ottenuto a ottobre la licenza bancaria per aprire una succursale a Zurigo. Con il via libera della Banca popolare cinese l'ultimo ostacolo è ora stato eliminato, viene precisato.

"L'apertura della filiale della CCB incoraggia l'utilizzo della valuta cinese nelle operazioni oltre i confini effettuate tra le imprese e gli stabilimenti finanziari", sottolinea BNS, precisando che questa possibilità rafforza anche la piazza finanziaria svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS