Navigation

BNS: Thomas Jordan presidente, Fritz Zurbrügg membro direzione

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 aprile 2012 - 15:05
(Keystone-ATS)

Thomas Jordan passa ufficialmente alla guida della Banca nazionale svizzera (BNS): il Consiglio federale ha nominato oggi il presidente della direzione ad interim dell'istituto d'emissione alla successione di Philipp Hildebrand, dimessosi il 9 gennaio perché travolto dalle polemiche in relazione alle sue transazioni finanziarie. Il direttore dell'Amministrazione federale delle finanze (AFF) Fritz Zurbrügg diventerà membro della Direzione generale, mentre il consigliere di Stato Jean Studer (PS/NE) presiederà il Consiglio di banca.

La designazione di Jordan non è una sorpresa: il 48enne aveva manifestato il suo interesse per la carica il giorno stesso dell'uscita di Hildebrand, dicendo di essere a disposizione se il governo lo avesse ritenuto opportuno. Esperto in politica monetaria, è attivo per la BNS dal 1997, inizialmente come consulente scientifico. Attraverso diverse tappe ha poi scalato l'istituto con sede alla Börsentrasse 15 di Zurigo.

Anche Zurbrügg dispone di vasta esperienza: l'economista 52enne ha fra l'altro rappresentato gli interessi della Svizzera in seno al Fondo monetario internazionale. Con lui si completa il triumvirato al vertice della banca, che oltre a Jordan comprende anche Jean-Pierre Danthine.

Il Consiglio di banca - che fa le veci del consiglio di amministrazione: la BNS è una società anonima disciplinata da una legge speciale - verrà presieduto dal socialista Jean Studer. Succederà a Hansueli Raggenbass, che aveva annunciato le dimissioni per la fine dell'attuale mandato dopo essere stato messo sotto pressione in relazione al caso Hildebrand. Il passaggio di consegne avverrà nell'assemblea generale del 27 aprile.

Sono fra l'altro stati riconfermati membri del Consiglio di banca anche Laura Sadis, direttrice del Dipartimento delle finanze e dell'economia del Cantone Ticino, e Alfredo Gysi, presidente del consiglio di amministrazione della Banca della Svizzera Italiana (BSI) e presidente dell'Associazione delle banche estere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?