Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOSANNA - L'uomo morto nel carcere di Bochuz (VD) lo scorso 11 marzo è deceduto a causa del mancato funzionamento di un ventilatore. Il detenuto, dopo aver dato fuoco al suo materasso, aveva perso la vita per intossicazione da fumo.
Le guardie hanno provveduto immediatamente a spegnere le fiamme, ma si sono rese conto solamente dopo 30 minuti che il ventilatore della cella non funzionava. Lo ha indicato oggi il sostituto del giudice istruttore cantonale in un comunicato. La causa della tragedia è quindi un difetto tecnico, anche se il sistema di ventilazione era conforme alle norme di sicurezza, si precisa.
È ancora troppo presto per capire se esista un responsabile da perseguire penalmente, conclude la nota. Le conclusioni degli esperti saranno rese note a luglio.

SDA-ATS