Navigation

Bolivia: annunciata sospensione delle relazioni con Cuba

La presidente ad interim boliviana Jeanine Anez KEYSTONE/AP/JK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2020 - 17:50
(Keystone-ATS)

La Bolivia ha annunciato oggi la "sospensione delle sue relazioni diplomatiche con Cuba", a causa delle polemiche dichiarazioni formulate dal ministro degli Esteri cubano nei confronti della presidente ad interim boliviana, Jeanine Anez.

In dichiarazioni alla stampa, il ministro della presidenza boliviano, Yerko Núnez, ha precisato che "a partire da oggi la Bolivia sospende le relazioni diplomatiche con la Repubblica di Cuba", una determinazione "adottata per le recenti ed inammissibili espressioni del ministro degli Esteri cubano, e la permanente ostilità e costanti offese di Cuba contro il governo boliviano ed il suo processo democratico".

Núnez ha infine detto che il governo del presidente Miguel Díaz-Canel ha danneggiato "in modo sistematico" le relazioni diplomatiche fondate sul reciproco rispetto e la non ingerenza".

La decisione di sospendere le relazioni diplomatiche segue una dura reazione di Cuba a critiche formulate dalla presidente Anez al ruolo avuto dai medici cubani che hanno operato in territorio boliviano.

Reagendo ad esse, ieri Rodríguez, via Twitter, aveva affermato che si tratta di "volgari bugie della golpista autoproclamata in Bolivia. È stata un'altra dimostrazione del suo servilismo nei confronti degli Stati Uniti. Dovrebbe invece spiegare che dopo il ritorno a Cuba dei cooperanti a causa della violenza di cui sono stati oggetto, sono andate perse oltre 454.000 azioni mediche".

Intanto a Washington il sottosegretario di Stato americano per gli Affari politici, David Hale, di ritorno da La Paz ha annunciato che gli Usa hanno deciso, dopo oltre dieci anni, di inviare nuovamente un ambasciatore in Bolivia con l'obiettivo di avanzare nel processo di restaurazione relazioni bilaterali normali fra i due Paesi.

Nel 2008 Evo Morales ordinò l'espulsione dell'allora ambasciatore statunitense Philip Goldberg e gli uomini della Dea, accusati di cospirare contro il suo governo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.