Navigation

Bolivia: Morales chiede a oppositori di sospendere proteste

Il presidente boliviano Evo Morales KEYSTONE/EPA EFE/MARTIN ALIPAZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 07:02
(Keystone-ATS)

Di fronte alla richiesta di dimissioni, il presidente boliviano Evo Morales ha rivolto un appello ai suoi oppositori che "stimolano mobilitazioni con atteggiamento razzista e discriminatorio contro le elezioni del 20 ottobre a non generare scontri fra boliviani".

Il Tribunale supremo elettorale (Tse) ha annunciato la vittoria di Morales con 10,8 punti sullo sfidante Carlos Mesa, risultato respinto dall'opposizione che è scesa in piazza.

Il capo dello Stato ha quindi proposto nuovamente ai settori oppositori di sospendere le proteste in corso ed attendere i risultati della verifica integrale del voto che sta realizzando l'Organizzazione degli Stati americani (Osa).

Di fronte alle minacce di 'colpo di stato' nei suoi confronti, Morales ha reso noto che si riunirà con i movimenti sociali che lo sostengono per preparare una risposta alle minacce.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.