Navigation

Bolivia: tolto passaporto diplomatico a ecclesiastici

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 dicembre 2010 - 20:18
(Keystone-ATS)

LA PAZ - Il presidente della Bolivia, il socialista Evo Morales, con un decreto ha disposto il ritiro del passaporto diplomatico a tutte le autorità religiose e agli ex capi di Stato del paese andino. Lo riferiscono oggi i media, precisando che gli interessati, tra i quali il cardinale Julio Terrazas, arcivescovo di Santa Cruz, avranno 60 giorni di tempo per restituire lo speciale passaporto al ministero degli Esteri.
Il decreto deroga una legge del 1988, che consentiva alle autorità religiose e a diverse autorità pubbliche di usufruire del passaporto diplomatico, con i relativi diritti che esso concede, come immunità e privilegi previsti dalle leggi internazionali.
La nuova norma stabilisce che tale documento potrà essere concesso solo ad alti funzionari che "adempiano missioni diplomatiche all'estero in forma permanente o temporanea.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.