Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

'Colpo di scena' dell'Isis sull'ultimo numero di Dabiq, il suo magazine in lingua inglese: che rivendica l'abbattimento dell'aereo russo in Sinai con a corredo la foto della lattina-bomba che "ha distrutto" il velivolo "crociato".

Ma anche il 'solito' orrore, con la notizia dell'uccisione dei due ostaggi, uno norvegese l'altro cinese, che a settembre l'Isis aveva 'messo all'asta', sempre su Dabiq.

La rivista, che in apertura ha il titolo "Just terror" e una foto delle stragi di Parigi di venerdì, scrive che: "Dopo aver scoperto la strada per compromettere la sicurezza dell'aeroporto di Sharm el Sheikh, per abbattere un aereo appartenente a un Paese della Coalizione internazionale contro l'Isis, abbiamo deciso di cambiare obiettivo con un velivolo russo. Una bomba è stata piazzata nell'aereo. Il risultato è stata la morte di 219 russi e altri 5 crociati, solo un mese dopo l'inizio dei raid russi".

Viene pubblicata la foto di una lattina di Schweppes "Gold" all'ananas, con accanto un detonatore e un innesco. È la lattina-bomba che avrebbe fatto esplodere l'aereo in volo.

Ventiquattro ore fa, il capo dei servizi segreti russi, Aleksandr Bortnikov, confermando che l'Airbus della Metrojet/Kogalymavia, era stato abbattuto da un attentato terroristico, ha annunciato che gli esperti hanno trovato trovate tracce di esplosivo di produzione straniera sui frammenti dell'aereo e che la bomba aveva una potenza fino a 1,5 kg di tritolo.

Oggi fonti vicine all'inchiesta hanno rivelato che l'ordigno artigianale era stato piazzato sotto al sedile di un passeggero. Proprio dove poteva essere finita la lattina-bomba. Dabiq contiene poi l'ennesima sequela di sinistra propaganda, dalla celebrazione degli "8 cavalieri" che hanno fatto strage a Parigi venerdì promettendo nuovi attacchi, fino alle nuove minacce a Roma e ai cristiani.

C'è poi l'ennesima pagina di orrore, con le immagini raccapriccianti dei due ostaggi, Ole Johan Grimsgaard Ofstad e Fan Jinghui, con i volti trasformati in maschere di sangue: "Giustiziati, dopo essere stati abbandonati dalle nazioni e dalle organizzazioni dei miscredenti", recita l'ultima pagina della rivista.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS