Navigation

Bomio e Solcà non rieletti presidenti corti TPF

Il Tribunale penale federale a Bellinzona KEYSTONE/TI-PRESS/ALESSANDRO CRINARI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2019 - 18:43
(Keystone-ATS)

Giorgio Bomio-Giovanascini, presidente della Corte dei reclami penali, e Claudia Solcà, presidente della Corte d'appello del Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona non sono stati rieletti. È la prima volta che dei presidenti non vengono riconfermati.

Le elezioni si sono svolte in agosto. Secondo il Tribunale penale federale, non è mai successo che il presidente di una camera non fosse rieletto dopo il primo mandato. Le disposizioni prevedono che il presidente e il vicepresidente vengano eletti ciascuno per un periodo di due anni. Sono possibili due rielezioni.

Il Tribunale penale federale non fornisce alcuna informazione sulle ragioni. Sabato la NZZ aveva anticipato la notizia della non rielezione di Bomio, mettendola in relazione ad alcune controverse decisioni riguardanti il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber, e domenica la SonttagsZeitung ha annunciato che anche Claudia Solcà, in carica dal gennaio 2018, non sarebbe stata riconfermata.

Bomio è uno dei giudici che aveva ordinato il ritiro di Lauber dalle indagini inerenti alla Federazione mondiale di calcio (FIFA). A sua volta il procuratore generale della Confederazione aveva richiesto, senza ottenerla, la ricusazione del presidente della Corte dei reclami penali del TPF. Bomio, ai media, ha detto che la sua non rielezione non è legata al caso Lauber, ma piuttosto alle sue critiche riguardanti la rappresentanza politica nella Commissione amministrativa. Secondo il domenicale, la mancata rielezione di Solcà sarebbe dovuta invece a lacune nella gestione denunciate da otto giudici.

La carica di Bomio è stata assunta dall'attuale vicepresidente Roy Garré (PS), mentre Solcà è stata sostituita da Olivier Thormann (PLR). Prima di entrare al TPF, Thormann era procuratore federale capo e anch'egli, assieme a Lauber e un altro collega, era stato escluso dalle inchieste legate alla FIFA.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.