Navigation

Borsa: cautela in Asia con tonfo Merkel e incertezza Grecia

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 maggio 2012 - 08:51
(Keystone-ATS)

Avvio di settimana senza una precisa direzione per le principali borse di Asia e Pacifico, dopo la sconfitta del partito del cancelliere tedesco Angela Merkel nel Lander del Nord Reno-Westfalia e con il timore di un nuovo ricorso alle urne in Grecia, ancora priva di una coalizione di governo a una settimana dal voto.

Tokyo ha guadagnato lo 0,23%, Hong Kong prosegue invariata verso la chiusura, mentre Seul ha ceduto lo 0,1% e Sidney ha guadagnato lo 0,2%.

Effetto conti sulla piazza nipponica per Takeda Pharmaceutical (-3,24%), che prevede un calo del 40% del margine operativo, e per Casio Computer (-3,21%), che ha previsto risultati inferiori alle stime degli analisti.

Sotto pressione gli automobilistici Mitsubishi (-3,61%) e Mazda (-3,51%); più cauta Toyota (-0,15%), bene invece Sony (+1,67%). Difficoltà ad Hong Kong per i colossi dell'abbigliamento Esprit Holdings (-3,58%) e Li & Fung (-2,31%), mentre a Sidney il calo delle quotazioni delle materie prime penalizza gli estrattivo-minerari Silver Lake (-7,64%), Alacer Gold (-6,02%) e Aquila Resources (-5,38%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?