Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

FRANCOFORTE - Le borse europee ha chiuso in lieve calo allontanandosi dai massimi di fine 2008 riagguantati nei giorni scorsi. Il tutto mentre in Grecia i titoli bancari sono crollati nonostante le rassicurazioni del ministro delle finanze George Papaconstantinou che ha garantito l'accesso ai fondi restanti del pacchetto di sostegno alle banche lanciati nel 2008 per rafforzare il capitale.
E così al termine della seduta l'indice che sintetizza l'andamento dei mercati europei, il Dj Stoxx 600, ha perso lo 0,2% mentre Milano si è aggiudicata la maglia nera tra le big del Vecchio Continente arretrando dello 0,84 per cento. In rosso, così come Wall Street (Dow Jones -0,3% in corso), anche Londra (-0,32%), Parigi (-0,67%) e Francoforte (-0,48%).
A fare peggio in assoluto è stata Atene con l'indice Ftse Ase che ha perso oltre 3 punti percentuali (-3,06%). Sul listino ellenico hanno pesato soprattutto i titoli bancari in scia anche al taglio delle raccomandazioni di Citigroup: Efg Eurobank ha lasciato sul terreno il 7,4%, al fianco di Piraeus Bank che è arretrata del 5,66 per cento. In rosso anche Alpha bank (-4,3%), National Bank of Greece (-4,2%), -4,2%), Hellenic Postbank (-2,6%).
Al di là del comparto bancario in Europa sono apparsi deboli i costruttori d'auto nel giorno dell'alleanza siglata da Renault-Nissan e Daimler. Il settore mediamente ha ceduto un punto percentuale (Stoxx cars -0,98%) e tra le singole case le peggiori sono state Porsche (-2,52%), Fiat (-2,1%) e Bmw (-1,7%). Deboli anche le Renault a Parigi dove hanno ceduto circa l'1 per cento, mentre hanno tenuto le Daimler a Francoforte (-0,24%). Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali borse europee:
- Londra -0,32%
- Parigi -0,67%
- Francoforte -0,48%
- Madrid +0,28%
- Milano -0,84%
- Amsterdam -0,48%
- Stoccolma -0,31%
- Zurigo -0,62%
- Atene -3,06%.

SDA-ATS