Navigation

Borsa: Europa in rialzo, Milano e Madrid chiudono in calo

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2011 - 18:36
(Keystone-ATS)

Milano e Madrid restano l'anello debole dell'Europa, in una seduta fatta di oscillazioni ma che riesce comunque a chiudersi con segno generale positivo.

In Germania la fiducia degli investitori, misurata dall'indice Zew, è scesa ad agosto ai minimi da 2 anni e mezzo, i dati Usa sulle vendite di nuove case sono in calo e peggiori delle attese degli analisti ma nonostante questo gli indici hanno reagito senza scossoni, contenendo il calo e a fine seduta riportandosi in positivo.

L'attesa è tutta per le prossime mosse della Fed e si scommette su un possibile nuovo intervento in sostegno dell'economia. Nel fine settimana qualche indicazione potrebbe arrivare dall'atteso simposio annuale a Jackson Hole, dei banchieri centrali di tutto il mondo.

Restano le incertezze sui bancari, italiane e greche sotto pressione mentre Ubs, la più grande banca svizzera, si mette in luce con un rialzo del 2,09 per cento dopo aver detto che prevede di tagliare 3.500 posti di lavoro per ridurre i costi. Pesante Bpm (-4,8%) ma la maglia nera va agli istituti greci con Piraeus in calo del 7,58%, Efg del 5,58 per cento. Giù anche Bbva (-1%) e Dexia (-3,7%).a e alcuni paesi tra cui la Finlandia hanno chiesto garanzie in cambio di prestiti.

Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali borse europee. - Londra +0,67% - Parigi +1,08% - Francoforte +1,07% - Madrid -0,17% - Milano +1,04% - Amsterdam +0,71% - Stoccolma +2,01% - Zurigo +1,68%

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?