Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le borse europee chiudono in rialzo sui massimi da tre mesi trainate da Madrid e Milano. E anche se i titoli di Stato tirano il fiato dopo quattro sedute di rally lo spread dei Btp decennali scende sotto i 440 punti base ai minimi da inizio luglio, con i mercati che puntano su un intervento della Bce interrogandosi su tempi e modi.

Ignorando le polemiche fra Roma e Berlino sulla crisi e sul ruolo della Germania, i listini europei dopo un avvio incerto archiviano un'altra seduta con il segno più, ben sostenuti dalle notizie sugli utili societari e dalla ripresa di interesse per i titoli bancari. Milano chiude a +2,3%, Madrid a +2%, in testa davanti a Parigi (+1,5% sui massimi da inizio aprile) e Francoforte (+0,71%). Più cauta Londra (+0,56%), su cui pesa il crollo di Standard Chartered (-18%, peggior calo in quasi 24 anni), dopo che la giustizia Usa minaccia una sospensione delle attività della banca a causa delle transazioni condotte con istituti iraniani. Bene, sull'orizzonte europeo, Bankia (+6,4%), Unicredit (+6,54%), Credit Agricole (+6%) e National Bank of Greece (+5,43%). bene anche Wall Street, con lo Standard & Poor's 500 che ha sfondato la soglia psicologica dei 1.400 punti per la prima volta da inizio maggio, trainato anche dalle attese crescenti per un nuovo 'quantitative easing' della Federal Reserve a settembre.

In calo la tensione sui titoli di stato, con lo spread Btp-bund decennale sceso fino a 439 prima di chiudere a 449, soprattutto per merito degli investimenti difensivi in uscita dal bund, che ha visto il rendimento decennale salire di nove punti base all'1,49%. Il rendimento pagato dai Btp a dieci anni è sceso fin sotto il 5,90% da oltre il 6% toccato stamani. Più in difficoltà il debito spagnolo, con le incertezze sulla richiesta di salvataggio che continuano a pesare e hanno fatto chiudere lo spread decennale a 538 punti. Sui titoli tedeschi pesano anche gli ordini industriali tedeschi, scesi a giugno dell'1,7% segnalando che anche la maggiore economia dell'euro soffre il rallentamento mondiale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS