Navigation

Borsa Asia: giù con conti, da Banca Giappone piano per bond

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2012 - 09:04
(Keystone-ATS)

Seduta in calo per le principali Borse Asiatiche in scia alla debolezza dei risultati trimestrali di alcuni giganti industriali. A pesare, soprattutto, Tokyo che ha perso lo 0,43% nonostante la decisione della Banca del Giappone di estendere il maxi-piano d'acquisto di Titoli di stato volto a dare stimolo all'economia del Paese (10.000 miliardi di yen, circa 124 miliardi di dollari).

Mediamente i listini orientali hanno ceduto uno 0,20 per cento (indice Msci Asia Pacifico), mentre tra i peggiori titoli si è guardato al produttore di elettrodomestici Foxconn International che ha perso oltre 12 punti percentuali dopo aver reso noto che la divisione telefoni potrebbe chiudere il semestre con un rosso superiore a quello dello scorso esercizio.

Pesante nel settore anche Mitsubishi Electric (-3,6%) sull'annuncio che l'anno fiscale si chiuderà con un calo dell'utile operativo. Stesso tonfo anche per Japan Tobacco (-3,6%), che ha risentito della guidance rilasciata sull'utile operativo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?