Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un'apertura in leggera flessione e una mattinata altalenante, dalle 13:00 la Borsa svizzera si è sempre mantenuta al di sopra della linea di demarcazione continuando ad ampliare i guadagni grazie ai farmaceutici.

Verso le 15:30 l'indice dei valori guida SMI progrediva dello 0,55% a 8'973,84 punti quello allargato SPI dello 0,48% a 9'110,04 punti.

Secondo operatori grandi quantità di denaro sono affluite in Svizzera negli scorsi giorni. Grossi investitori stranieri hanno messo i loro fondi al riparo dal momento che l'incertezza sui mercati resta ancora molto elevata.

Il listino principale è spinto dai due giganti farmaceutici Roche (+1,14%) e Novartis (+1,51%): le continue voci di fusioni rendono attrattivo il settore. Inoltre Alcon, filiale di Novartis ha ricevuto dalle autorità europee il marchio "CE" per un nuovo tipo di lente destinata ai pazienti operati di cataratta. Più contenuto l'incremento del terzo peso massimo Nestlé che segna un +0,14%.

Tra i bancari solo Julius Bär è in crescita (+0,49%). UBS e CS Group perdono rispettivamente lo 0,05% e lo 0,43% .

Per quanto riguarda i titoli assicurativi, Zurich (+0,56%) fa meglio di Swiss Re (+0,24%).

Quanto ai titoli più sensibili alla congiuntura bene ABB (+0,67%), Adecco (+0,54%) e Geberit (+0,21%). Holcim perde invece lo 0,22%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS