Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera: ancora in negativo, ma in ripresa

BERNA - Mattinata in negativo per la Borsa svizzera, come per le principali Borse europee, ma si delinea una ripresa: l'indice guida SMI segnava alle 11.20 circa 6488,68 punti, in calo dello 0,09 % rispetto alla chiusura di venerdì, l'indice allargato SPI 5607,98 punti, in calo dello 0,07 %.
I progetti del presidente americano Barack Obama per una limitazione delle attività bancarie continuano a pesare sul mercato, in particolare sui titoli finanziari, rilevano gli operatori.
In Svizzera continua a far discutere la recente decisione del Tribunale amministrativo federale (TAF), che frena l'accordo di assistenza fiscale raggiunto lo scorso agosto da Berna e Washington nel contenzioso UBS: l'intesa potrebbe ora essere sottoposta al parlamento.
In questo contesto, il titolo UBS è partito stamane a -2,5%. Si è tuttavia ripreso nel corso della mattinata portandosi a -0,13% alle 11.20. Il Credit Suisse vanta invece la migliore performance della mattinata, con un +3,08%. La settimana scorsa le due grandi banche avevano entrambe accusato la maggiore contrazione, con un ribasso rispettivamente del 7,3 e del 9,5%.
Sul fronte opposto cattiva prestazione per i pesi massimi dello SMI, con Roche a -0,97%, Novartis (che pubblicherà i risultati domani) a -0,89%. In ribasso anche il gruppo agrichimico Syngenta, a -0,33% , e Synthes (tecniche mediche), a -1,28%. Fra i titoli in progressione, oltre a CS Group, figurano ABB (+0,78 ), Swiss Re (+1,51%) e Julius Baer (+3,18%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.