Avvio di seduta negativo per la Borsa svizzera, in seguito ai forti cali registrati a Wall Street e in Asia. Alle 9.20 l'SMI cede lo 0,74% a 6'570.05 punti, l'SPI lo 0,90% a 5'908.69 punti.

In calo anche le principali piazze europee: in apertura il DAX di Francoforte segna una flessione dello 0,75% a 7.169,04 punti, il FTSE 100 di Londra è in contrazione dello 0,79% a 5.888,87 punti, il CAC 40 di Parigi perde lo 0,60% a 4.042,51 punti e il FTSE Mib di Milano lascia già sul terreno l'1,02% a 21.999 punti.

Stamani alla Borsa di Tokyo l'indice Nikkei ha terminato gli scambi in picchiata, con un tonfo del 2,43%, a quota 10.492,38, in scia al rialzo dei prezzi del petrolio, riavvicinatisi ai 100 dollari al barile, a causa delle proteste pro-democrazia in atto in Medio Oriente e in Nordafrica.

Chiusura in ribasso, ieri sera, anche per Wall Street: il Dow Jones ha perso l'1,38% a 12.058,02 punti, il Nasdaq l'1,61% a 2.737,41 punti e lo S&P 500 l'1,57% a 1.306,40 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.