Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Partita al rialzo, la Borsa svizzera è subito passata al di sotto della linea di demarcazione per poi recuperare terreno. Verso le 9:30 l'indice dei valori guida SMI avanzava dello 0,09% a 8'589.66 punti e quello allargato SPI dello 0,12% a 8'487.95 punti.

Apertura in rialzo per le principali piazze europee: a Milano l'indice Ftse Mib progredisce dello 0,29% a 21'531 punti, a Londra il FTSE 100 sale dello 0,20% a a 6'748,45 punti, a Francoforte il Dax guadagna lo 0,27% a 9'894,55 punti e a Parigi il Cac 40 cresce dello 0,23% a 4'470,78 punti.

Chiusura in positivo per la Borsa di Tokyo con l'indice Nikkei che ha terminato le contrattazioni con un progresso dello 0,27% a 15.308,49 punti, sulla scia della buona chiusura di Wall Street.

Negli Usa gli investitori hanno interpretato i dati peggiori del previsto sul Pil nel primo trimestre come un segnale che la Fed manterrà a lungo i tassi bassissimi.

Wall Street ha chiuso ieri in positivo: il Dow Jones ha segnato un rialzo dello 0,29% a 16'867,51 e il Nasdaq dello 0,68% a 4'379,76 punti.

SDA-ATS