Navigation

Borsa svizzera: apre di nuovo in ribasso

L'avvio è una volta ancora negativo. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2020 - 09:11
(Keystone-ATS)

Apertura in ribasso per la borsa svizzera: alle 09.05 l'indice dei valori guida SMI segnava 8084,62 punti, in flessione del 2,22% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva il 2,55% a 9883,91 punti.

Un'azione concertata delle banche centrali e la riduzione del tasso d'interesse da parte della Federal Reserve non tranquillizzano gli investitori. Al contrario, questi interventi vengono recepiti come il segnale della gravità della situazione.

Inoltre dalla Cina sono arrivati i dati sulla produzione industriale e sul fatturato nel commercio al dettaglio, entrambi molto più negativi di quanto atteso. Si è trattato delle prime informazioni importanti che danno un'idea dell'impatto del coronavirus nel paese a partito unico. Le piazza asiatiche hanno così terminato in picchiata, Tokyo in primis (Nikkei -2,46% a 17'002,21 punti.

Anche le altre piazze europee hanno avviato le contrattazioni deboli: nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -5,60% a 8715 punti), Londra (Ftse-100 -4,79% a 5108,81 punti) e Milano (Ftse Mib -1,60% a 15'696 punti).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.