Navigation

Borsa svizzera: apre fiacca

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2019 - 09:26
(Keystone-ATS)

Dopo la seduta debole di ieri, la borsa svizzera ha aperto anche oggi a rilento. L'indice dei titoli guida SMI alle 09.15 segnava una flessione dello 0,04% a 10'300,65 punti, mentre quello complessivo SPI un ribasso dello 0,15% a 12'437,29 punti.

Con il segno più invece le alte principali piazze europee. A Parigi il CAC 40 guadagna lo 0,18% a 5904,27 punti, a Londra il FTSE-100 lo 0,27% a 7348,28 punti, a Milano l'indice Ftse Mib lo 0,37% a 23'577,81 punti e a Francoforte il Dax lo 0,38% a 13'248,87 punti.

In termini macroeconomici, oggi da tenere d'occhio la disoccupazione nel Regno Unito e l'indice Zew che misura le condizioni economiche tedesche. Oltreoceano lo sguardo è all'audizione di domani del presidente della Fed, Jerome Powell, al Parlamento americano.

Le borse di Asia e Pacifico hanno chiuso tendenzialmente in rialzo, con gli investitori che guardano allo sviluppo dei colloqui tra Usa e Cina sul commercio internazionale e alle tensioni ad Hong Kong (+0,43%). Tokyo guadagna lo 0,81%, Shanghai e Shenzhen archiviano entrambe la seduta con un +0,17%. Seul registra un più convincente +0,79%, mentre Sydney cede un marginale 0,29%.

Ieri sera chiusura contrastata per Wall Street, con il Dow Jones che è avanzato dello 0,04% a 27'692,47 punti, il Nasdaq che ha perso lo 0,13% a 8464,28 punti e lo S&P 500 in calo dello 0,20% a 3087,01 punti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.