Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura positiva per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 9031,88 punti, in progressione dello 0,10% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,16% a 10'254,50 punti.

Archiviata una settimana di nervosismo i mercati tornano a interrogarsi sugli sviluppi politici negli Stati Uniti. C'è da scommettere che gli investitori continueranno a seguire con estrema attenzione le prossime mosse del presidente Donald Trump.

Sul fronte interno i riflettori sono puntati su Clariant (+6,71%), che ha annunciato stamane la fusione con la texana Huntsman, nonché su LafargeHolcim (+4,32%): nuovo numero uno sarà l'attuale CEO di Sika (-2,13%), Jan Jenisch.

L'avvio di seduta è stato al rialzo anche sulla gran parte delle altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,21% a 12'664,97 punti), Londra (Ftse 100 +0,35% a 7496,90 punti) e Parigi (Cac 40 +0,20% a 5335,12 punti). Milano (Ftse Mib -1,06% a 21'388 punti) smarca, ma moltissime società trattano senza cedola del dividendo.

Wall Street ha terminato venerdì in modo positivo (Dow Jones +0,69% a 20'804,84 punti, Nasdaq +0,47% a 6083,70 punti) e lo stesso ha fatto oggi Tokyo (Nikkei +0,45% a 19'678,28 punti)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS