Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura positiva per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 9337,60 punti, in progressione dello 0,30% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,26% a 10'690.58 punti.

Al centro dell'interesse vi è la pubblicazione, prevista per domani, del rapporto sul mercato del lavoro americano. Le nuove tensioni geopolitiche, legate fra l'altro al riconoscimento di Gerusalemme quale capitale di Israele da parte del presidente statunitense Donald Trump, al momento impressionano ben poco, anche se viene ravvisato un certo potenziale di escalation.

Sul fronte interno gli occhi sono puntati su Roche (+0,89%), che ha diffuso risultati di studi relativi a suoi farmaci e che si rivela il titolo più dinamico. Tutti gli altri valori principali presentano scarti inferiori al mezzo punto percentuale.

L'avvio di seduta è stato meno ispirato sulle altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,21% a 13'026,30 punti), Londra (Ftse 100 -0,01% a 7347,50 punti), Parigi (Cac 40 invariato a 5374,57 punti) e Milano (Ftse Mib +0,22% a 22'355 punti).

Wall Street ha terminato ieri in modo contrastato (Dow Jones -0,16% a 24'140.91 punti, Nasdaq +0,21% a 6776,38 punti), mentre Tokyo si è mostrata oggi più tonica (Nikkei +1,45% a 22'4958,03 punti).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS