Navigation

Borsa svizzera: apre in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2011 - 09:49
(Keystone-ATS)

Apertura in netto ribasso per la Borsa svizzera: alle 09.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 5380,48 punti (-1,73% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in flessione dell'1,57% a 4907,59 punti.

Il mercato sconta le previsioni pessimistiche sulla salute dell'economia Usa presentate ieri sera dalla Fed, anche se l'istituto ha annunciato ulteriori misure di stimolo per 400 miliardi di dollari. Il ravvivarsi dei timori per la congiuntura dell'intero pianeta ha avuto immediate ripercussioni su Wall Stret (Dow Jones -2,49% a quota 11'124,84 punti, Nasdaq -2,01% a 2538,19 punti) e Tokyo (Nikkei -2,07% a 8560,26 punti), che hanno chiuso assai deboli.

In Europa la giornata è partita male anche a Francoforte (Dax -3,22% a 5248,94 punti), Londra (Ftse 100 -2,62% a 5150,069 punti), Parigi (Cac 40 -2,66% a 2857,86 punti) e Milano (Ftse Mib -2,96% a 13'694 punti).

Sul fronte interno il taglio del rating delle banche italiane sta mettendo sotto pressione anche i titoli degli istituti elvetici come UBS (-2,92%), tornata sotto i 10 franchi, Credit Suisse (-3,44%) e Julius Bär (-2,60%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?