Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura poco mossa per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8196,05 punti, in flessione dello 0,01% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,02% a 8495,89 punti.

Sull'umore degli investitori pesano il nuovo calo del prezzo del petrolio e alcuni deludenti dati aziendali. In Svizzera la notizia del giorno è l'offerta del colosso cinese ChemChina, che intende pagare 43 miliardi di franchi per rilevare Syngenta (+6,55%). Hanno informato sull'andamento degli affari nel 2015 anche ABB (+2,77%) e Swatch (-4,46%).

Le piazze asiatiche hanno chiuso in profondo rosso, Tokyo in primis (Nikkei -3,15% a 17'191,25 punti). Anche Wall Street ha terminato in negativo (Dow Jones -1,80% a 16'153,54 punti, Nasdaq -2,24% a 4516,94 punti).

L'avvio di seduta è stato in ordine sparso sulle altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -0,41% a 9541,53 punti), Londra (Ftse 100 -0,15% a 5912,91 punti), Parigi (Cac 40 -0,04% a 4282,41 punti) e Milano (Ftse Mib +0,12% a 17'950 punti).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS